Zio Vanja

Zio Vanja, Anton Čechov © PHOTO LAILA POZZO Da sinistra in alto: Ivan Alovisio, Beatrice Vecchione, Paolo Pierobon, Lucrezia Guidone, Ivano Marescotti, Ariella Reggio (seduta). In basso da sinistra Federica Fabiani, Franco Ravera Elena Andreevna Mi son sfinita con lui. Mi reggo appena in piedi. Vojnckij Voi con lui, io con me stesso. Sono tre notti che non dormo. Elena Andreevna Non vanno bene le cose in questa casa. Vostra madre odia tutto, tranne i suoi opuscoli e il professore; il professore è irritato, non mi crede, di voi ha paura; Sonja è incollerita col padre, incollerita con [...]

La resistibile ascesa di Arturo Ui

GIVOLA È terminata l'elezione. Capo, i negozianti di Chicago e quelli di Cicero, commossi ed esultanti, ti ringraziano per la protezione. UI Accetto il vostro grazie con orgoglio, Quando, son quindici anni ormai, io, semplice figlio di Bronx, disoccupato, udendo l'appello della Provvidenza, presi, a Chicago, con solo sette uomini fidati, a seguire la mia strada, era mia ferma volontà donare pace al commercio degli ortaggi. Allora era soltanto una piccola schiera a volere semplicemente, eppure con fanatica fede, questa pace! Ora son molti. E la pace non è un sogno ma realtà del commercio degli ortaggi di Chicago. Ora [...]

Quando Fabbrica va in fabbrica

Fabbrica, il racconto di Ascanio Celestini sulla storia operaia in Italia, diventa spettacolo teatrale, con le canzoni originali di Giovanna Marini, grazie al Teatro Stabile del Veneto che lo ha prodotto. Il 24 novembre gli allievi della Scuola Teatrale di Eccellenza hanno riproposto Fabbrica nella sede della Carraro di Campodarsego (PD), in occasione di “Open Factory 2019”, dopo averlo messo in scena lo scorso giugno al Teatro Verdi di Padova. L'intervista a Tommaso Carraro, vice presidente dell'azienda di Campodarsego, e alcune scene dello spettacolo nel servizio del Mattino di Padova.  

Morte di Danton

Piazza davanti al Palazzo di Giustizia. Un assembramento. Alcune voci Abbasso i decemviri! Evviva Danton! Primo cittadino Sì, è vero, teste invece che pane, sangue invece che vino! Alcune donne La ghigliottina è un cattivo mulino e Sanson un cattivo fornaio; noi vogliamo pane, pane! Secondo cittadino Il vostro pane se l'è mangiato Danton. Sarà la sua testa a restituire il pane a tutti voi, in questo ha ragione. Primo cittadino Danton era tra noi il 10 agosto, Danton era tra noi a settembre. Dov'erano quelli che lo accusano? Secondo cittadino Lafayette era con voi a Versailles e tuttavia era un [...]